Diluizioni Omeopatiche

La diluizione si elabora sempre con una proporzione ascendente, con le chiamate “potenze.” In generale si scioglie con potenze decimale, cioè:

1:10 = D 1
1:100 = D 2
1:1.000 = D 3
1:10.000 = D 4
etc.

Le diluizioni liquide si regolano a gocce, tra 3 e 4 volte al giorno a ragione di 5 gocce e le polverizzazioni in forma di polveri, con la punta del coltello, o in tavolette, tra 3 e 4 volte al giorno. Si parla di potenze basse nella gamma di fino a, approssimativamente D 6. Le potenze mezze vanno fino a D 12 e le potenze alte sono quelle che superano questa cifra.

L’omeopatia fa parte dei metodi biologici dato che lavora nel senso del corso della malattia e la ravviva per mezzo di una malattia medicamentosa che si sviluppa in una direzione simile. Pertanto, l’omeopatia conosce anche il peggioramento iniziale, cioè, un’intensificazione dei sintomi patologici e dei disturbi dopo avere cominciato il trattamento che dopo si trasforma in una fase curativa.

Chiudi il menu