Piante per uso interno

Assolo vedremo alcune di esse, perché appariranno in altri comma.

PIANTI SPECIFICHI: Bardana, Pensiero.

BARDANA O Lampasso (Arctium Lappa L.)[<A>]

È conosciuta anche come “erba” dei tignosa.

Si usa soprattutto la radice ed a volte le foglie verdi.

La radice possiede materie minerali, soprattutto nitrato di potassio che insieme al suo abbondante contenuto in insulina, glúcido, gli conferiscono un’azione diuretica. Polienos o poliinos (composti insaturi) soprattutto dieno-tetraino (CH3-CH=CH-(C=C)4-CH=CH2). con azioni battericida, antifúngico, antibiotico, soprattutto di fronte a stafilococchi, ed antidermatósica.

Possiede anche acidi alcool che gli proporzionano un’azione diuretica e colerética, quello che gli fa essere una buona pianta depurativa. Derivato guanídicos e flavonoides, responsabili dell’azione hipoglucemiante. Ormoni vegetali (fitohemoglutinina) che produce agglutinazione delle emazie. Piante di olio essenziale, un po’ di tannino, acido clorogénico ed esteroles.

In uso esterno è antiseborreica, battericida ed antipruriginosa.

Le foglie, soprattutto i giovani, contengono un principio amaro (arctiopicrina) che gli proporziona un’attività antibacteriana ed antifungicida, contro i funghi. Possiede anche una lactona sesquiterpénica con proprietà antibiotiche di fronte a batteri Gram+ (stafilococchi) streptococchi, pneumococchi, eccetera.

I frutti possiedono un principio amrgo, arctigenina, con azione antitumoral.

Si usa in affezioni di pelle: forunculosis, antrace, acni, dermatosi, eczemi, micosi cutanee (funghi). Reumatismi, goccia, diabete, malato prediabeticos con forunculosis di ripetizione, etc. In uso esterno: ferite, ulcere varicose, pelli grasse, caduta di capello, capelli grassi, morsi di vipere.

Pensiero, Viola tricolore,

È conosciuta anche come viola del pensiero. Incominciò ad essere usata in Europa nel sigloXVI. Si usa la pianta intera fiorita ed i fiori.

Contiene saponinas al quale deve la sua azione diuretica, depurativa, antidermatósica, antripruriginosa, ed espettorante. Possiede anche mucillagini, derivati salicilici, tannino, pigmenti flavónicos (violaquercetina) rutósido, carotenoides (violaxantina) che rinforzano le sue azioni. È leggermente lassativo (mucillagini).

È efficace in caso di affezioni di pelle (cané) eczema, psoriasi, dermatosi, impetigine, eccetera, tanto dei bambini, come degli adulti. In affezioni respiratorie (bronchite) tosse secca, eccetera. In reumatismi.

Può usarsi tanto in uso interno come esterno. I trattamenti con questa pianta devono essere prolungati, dando molto buoni risultato soprattutto in affezioni di pelle.

PIANTE DIURETICHE: Rovo, Betulla, Gramigna, Incaglia di oro, Erica.

Rovo, Smilax regelii Killip et Morton,

Si usa la radice ed il rizoma.

Contiene soprattutto saponósidos steroidei, il principale è il sarsasaponósido che dà sarsasapogenina, due molecole di glucosio ed una di ramnosa per idrolisi. Si è separato un altro esmilasaponósido il cui genina, l’esmilagenina, è isomera della sarsasapogenina. Possiede anche amido, resina, piante di olii essenziali, fitosteroles e materiali minerali, soprattutto, di potassio.

Le geninas, sarsasapogenina ed esmilagenina, si usano per la sintesi parziale di cortisone ed altri steroidi.

Le sue proprietà sono: diuretiche, favorendo l’eliminazione dei disfatta dell’organismo. Depurativo. Facilita l’elimnación dell’urea e dell’acido urico (antiurémico). Leggermente hipolipemiante. Favorisce l’assorbimento di altre sostanze.

Il rovo si è usato da antico come antisifilítico, antirreumático, soprattutto in casi di goccia, e contro diverse malattie cutanee (eczemi) herpes, psoriasi…).

Chiudi il menu